Le persone con carattere, dentro han paura, di lasciarsi andare, per evitare la tortura,

quella di persone che amano approfittare, senza mai alle conseguenze pensare.

Viene a crearsi una struttura, senza paura, intorno alla mente e non al cuore,

perchè non bisogna essere egocentrici, ma farsi notare senza far rumore.

A chi manca questa struttura, si lascia andare alla tortura, molte volte viene abbandonato,

allora si richiude nella sua mente, non riuscendo a migliorare,e a volte sentendosi malato.

Ma vorrei dire a queste persone, che secondo me, è facile trovare una soluzione.

Non dirò di diventare freddi o di ripudiare le altre persone,

ma rimanete aperti,autentici, dopo una delusione,

sarà il tempo a rendervi forti, con carattere, ma nel cuore sempre la stessa emozione.

E infine, arriva chi peggio ha subito,

chi di carattere crede di avere, quando in realtà ha sempre legato il dito,

ad un’altra persona, dal quale carattere si lascia condizionare,

non si ha carattere, ma solo atteggiamento di chi si vuol frequentare.

Malleabile è dire poco, si è come uno specchio,

comprese le emozioni, e siete voi a valere meno di un telefono vecchio.

Se ci pensate bene, date la colpa a chi è al vostro fianco,

la colpa del vostro cambiamento, dall’essere a colori al nero e bianco.

La realtà è che chi cambia nella vita è come una mollica,

si strappa e con un po’ di acqua riattacca,

con un’altra persona, perchè in fin dei conti si è terrorizzati,

di rimanere soli, perchè non si sta bene con se stessi,

non per colpa altrui ma per la propria debolezza,

quella di non avere un’autenticità, una propria saggezza.

Se rientrate tra queste persone, non credetevi forti,

ringraziate chi vi è accanto e vi conosce da tempo,

non lasciateli andare e godetevi il momento.

E ricordate di imparare a migliorare e smettere di cambiare,

così farete soffrire trovandovi inutili alibi, inutili scuse,

siate umili, non persone ottuse.

 

Credo che nel mondo esistano tre tipi di persone, chi ha carattere, chi non ne ha minimamente, e chi crede di averlo.

Potremmo chiamarli diversamente, chi sopravvive, chi si aggrappa ogni giorno, e chi riesce a sopravvivere solo grazie ad altre persone.

Potrebbe sembrare semplice, definire chi ha carattere, una persona forte, e chi non ne ha, una persona debole. Ma nella maggior parte dei casi la situazione è inversa.

Ti ringrazio di essere ancora qui a leggere, ti ricordo che puoi dirmi la tua, cosa ne pensi? In quale persona ti rispecchi? Sei d’accordo o meno?

E e ti va di farti una chiacchierata, puoi sempre aggiungermi su Facebook.

Annunci