Una semplice poesia/filastrocca, ma ritengo a volte sia necessario tornare nella mente di quando vedevamo il mondo ricco di cartoni animati e regali di Babbo Natale per riuscire a guardare da una reale prospettiva ciò che oggettivamente succede.

A te ragazza, che credi di aver carattere solo alzando il tono di voce,

non creder di esser forte, potresti provocare un dolore, a te, atroce.

A te ragazza, che vesti scollata e in bella vista giudicando gli ormoni altrui,

può piacerti esser vista, magari lo fai per un “lui”,

ma ricorda che il mondo procede per malvagità, attenta alla tua dignità,

A te ragazza, che ti credi donna piena di virtù,

sii umile e matura, non pretendere della schiavitù,

A te ragazza, che “adolescente” è una scusa per perdonare i tuoi errori,

alle ferite fisiche ci pensano i dottori,

ma per quelle psicologiche, per le delusioni,

forse non basterà una vita, e il cuore non te lo ricomponi.

A te ragazza, che pensi, ma non ragioni,

A te ragazza, che segui i tuoi principi, in maniera part-time, quando conviene,

l’incoerenza allontana anche chi a te davvero tiene.

A te ragazza, che cerchi amore e trovi dolore, o meglio, che cerchi la perfezione, quando sei tu l’errore,

evita l’egocentrismo e impara da te stessa, essere buona non significa esser per forza fessa.

A te ragazza, che “nuova generazione” ti fa credere superiore,

rispetta chi ha esperienza nel settore,

A te ragazza, che immagini romanticismo e pratichi Gaslighting,

A te ragazza che tanto incanti quanto sono le tue promesse incoerenti,

A te ragazza che vivi alla moda, di tendenza, di poche vesti e tanta apparenza,

A te ragazza, non ingenua, ma falsa,

esser donna non significa apparire in minigonna, ma farsi rispettare con la propria intelligenza, quella che rende autonomi, starete bene dentro voi, e non riuscirete a viverne senza.

 

Non cambiate chi siete, migliorate per ciò che volete essere, perdonate voi per gli errori commessi e gli altri per quelli subiti, la vita è un corso indipendente, noi possiamo solo viverla, bella o brutta, lunga o corta, sfortunata o meno, questi sono punti di vista, sempre meglio vivere di rimorsi che di rimpianti, ma a mio parere, il miglior modo per ottenere questo, è quello di apprendere, essere resilienti, e non dimenticare, abbiate dei principi e imparate ad argomentarli, stare bene con voi stessi, per la vostra unicità, per la vostra vita, è questo ciò che conta.

Ti ringrazio per aver letto fin qui, ricorda che questo non è un semplice “blog” ma un luogo di libero pensiero, puoi dirmi la tua, se ti va puoi conoscermi nella sezione “Mi presento” o ancor di più sarei onorato di fare la tua amicizia, via Facebook o Instagram, buona giornata !

 

 

Annunci