L’ingenuità di un neonato, la curiosità di un bambino e il sogno di un uomo.

E’ il percorso della vita, che nasce basandosi su un unico concetto, il migliorarsi, imparando.

Ed è da quando nasciamo che con i nostri occhi esploriamo, ci guardiamo attorno, cerchiamo di capire, chi siamo. Ed è da quando quegli occhi cominciano a rimpicciolirsi per mettere a fuoco o ad estendersi per lasciar spazio all’immaginazione, che cominciamo a scoprire l’esistenza delle emozioni, associate a delle cose, delle persone, o a degli eventi.

La bellezza della scoperta nasce e mai tende a finire, impariamo a camminare per un giorno poter viaggiare, scoprire, ciò che di meglio non può esserci, il nuovo e il suo saper ammaliare. Impariamo a parlare per comunicare, per condividere esperienze e interagire, per scoprire le emozioni, il bene e l’amore, in tutte le sue variazioni. Siamo nati con un sol cuore non per poterlo dividere con qualcun’altro, ma per riempirlo fino a fondo con il bello vissuto e rafforzato ogni giorno per ogni volta che sei caduto, ma mai rimasto lì, fermo, immobile, perchè si è sempre pronti a rialzarsi, è l’istinto umano,  il problema sta nelle capacità di farlo in fretta, per tornare a vivere, ancora una volta, come se fossero esperimenti, che una volta falliti, insegnano ad essere resilienti.

La bellezza della scoperta è innata in tutti noi, basta solo volerlo, perchè se lo vuoi, puoi.

Chiudete questa pagina e aprite ancora una volta i vostri occhi al mondo, come se foste bambini, ingenui ma coscienti allo stesso tempo, non c’è mai nulla da non poter scoprire, conoscere e approfondire, la bellezza dell’attimo scoperto potrebbe essere anche adesso, alzate lo sguardo, spegnete il telefono e dimenticate dove lo avete messo. Aprite gli occhi ogni giorno, ogni ora e ogni secondo, c’è del bello che potrebbe riempirvi o del brutto che potrebbe rafforzarvi, non abbiate paura della solitudine, perchè fino ad ora, ci siamo tutti dentro, confondendola per beatitudine.

 

Annunci