Sono stato travolto, da un rintocco interiore,

sembrava un ricordo, di un battito superiore,

ricordava la prima volta che mi sentii innamorato,

è accaduto ancora, la possibilità di creare un legame sconfinato,

di quella vista davanti ai miei occhi, viso tenero e arrossato,

capelli freddi come il tempo e intrappolati nel mantello,

che vagava intorno a te, come una fata e il suo riflesso, ammaliante e seduttrice nel suo sguardo e nel magico vestito messo.

non c’è sapere tra noi due, ma sei entrata nel petto, ero confuso, ma felice di questo effetto,

un battito scatenato, coraggioso e incessante,

intrappolato forse troppo a lungo, nell’armatura e del suo prendersi cura.

che esprimo in questa poesia, simile ad una filastrocca in melodia,

perché non posso dare altro, se non la mia sincerità, con un pizzico di fantasia.

Annunci