Ca t teng a’ cor

comm o’ cor toj ten a me,

par poc, ma poc nun è,

un vaso scheggiato non va sostituito,

perderebbe la bellezza,

nun foss’ chiù gradito,

che un vaso nuovo potrebbe illudere di bellezza,

ma arricuordt ca stu vas,

s po pur “scassare”,

senza poter, un giorno, rimediare.

O’ nuostr è accussi special, ca nun m sent e’ lo cagnà,

vuless ‘na cos cu’ te, o’ tripudij e’ felicità,

foss accussì bell, ma forse forse

accusì bell già lo è,

ca nun m par nu vas pezzott,

o’ vec nat da un artigiano,

c c fa con la sua mano,

fatt e’ nuje.

Perdona le schegge

e’ stu vas ti ringrazierà,

aprimi la porta,

famm trasij,

vogl a nuje, a serenità.

Stu’ vas è p’ na vit assaj grossa e lunga,

o’ saj,

simm’ a nostr opportunità.

Annunci