Cerca

Happy Magician

Sii il cambiamento che vorresti nel mondo

Il dolore urla muto

Vorrei leggere il tuo viso, per capire com'è fatto il paradiso, per vedere la menzogna d'improvviso, per sentire il battito siamese e non diviso. Vorrei che mi piacessi e che io piaccia a te, vorrei che fosse semplice, ma è... Continue Reading →

Annunci

La ricetta dell’amore

Due cuori, un battito, un ritmo allineatore, un futuro nascente nel suo albore, mi hai preso col tuo sguardo, proposto un azzardo, mi hai scritto un biglietto, un foglio di carta colmo di affetto. Mi hai salvato dall'incertezza, di una... Continue Reading →

Il compromesso

A volte ci penso, lo penso meglio, lo ripenso spesso, col pensiero annesso. E se non ci appartenessimo ? Se tutto finisse, se tutto sparisse, ma se non lo provassimo ? Mi chiedo, perché domandarselo ? E se tutto fosse... Continue Reading →

Le giuste dita

Che di cuore qui si muore, che l'affetto non ha effetto, che l'amore è dir cosa sia, che star solo porta in alto rimanendo giù a metà, con sconforto, utopia di felicità. Che spero non sia un gioco, senza giocatori,... Continue Reading →

Stella cadente

Calore e contrasto, voce altalenante, tripudio vasto alla presenza del tuo sguardo ammaliante. Fossi qui ti amerei, la distanza e il suo peccato, fossi qui, io lo saprei, il sentimento a te dedicato. Fossi qui, non sarebbe stato, ma se... Continue Reading →

La sfida

Sappiamo chi siamo, da dove veniamo, perché gestire se non puoi controllarti, perché interagire se non puoi sfiorarti, privato di te, hai bisogno di lei, due persone, un istante, una direzione di tempo, una frazione di secondo, insieme, cemento. Ad... Continue Reading →

Della mia mente, l’unica cura

Un accento, una nota comune, un suono definito nel suo volume, la voce di coraggio, il sorriso col suo raggio, la pelle e la sua armonia, le pupille che ti portan via. I capelli e il loro colore, il vento... Continue Reading →

Il cuore che danza

Un'eterna scheggia rifiorisce nel divario, tra la gente e me, vista da un sipario, tutto torna se si pensa ad un teatro, ad una vita condannata in un baratro. Un divario abissale per tutti, ma per nessuno, morti in rancore,... Continue Reading →

La parola che avanza

eravamo sottosopra in un mondo a specchio eravamo un paradosso ridefiniti in fortuna in uno specchio di tortura un paradosso antico, vecchio. eravamo caldi di un sole il suo aspetto compatti come solidi atomi persi in un cuore inetto. eravamo... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: