Cerca

Happy Magician

Sii il cambiamento che vorresti nel mondo

Tag

droga

Un’altra possibilità

Non mi sento capito, nessuno mi capirà, mi ammazzo. Non mi sento capito, non ottengo quello che voglio, mi ammazzo. Non mi sento capito, nessuno mi crede più, proprio ora che ho gli occhi aperti. Mi ammazzo. Nessuno mi dice... Continue Reading →

Se di un noi si potrà parlare

Ho sempre percepito male, pur percependo bene, l'altrui scommessa con la vita, nascondendo la mia realtà, perversa ed incustodita. La rabbia del troppo tardi, la serenità del perdono, la confusione esplosiva come petardi, la sicurezza della risposta al "chi sono".... Continue Reading →

Pace come garanzia

Amar prima d'essere amato, quanto la sabbia nel deserto, come la gatta ai suoi figli, nutre di rispetto. Fidarsi di un cuore in piena, esaspera di gioia, il pericolo di un cuore scarico, dalla gioia all'agonia. Itinerante per emozioni, il... Continue Reading →

Il rifugio è resilienza

Che per come mi sento, lascerei la presa, la difficoltà dell'apprezzare è l'essere apprezzati, il duro dell'amore è l'essere amati, la fragilità di una storia conservata nel suo bilancio, la condizione in amore, è il rinunciare senza farlo, il dire... Continue Reading →

Il dolore urla muto

Vorrei leggere il tuo viso, per capire com'è fatto il paradiso, per vedere la menzogna d'improvviso, per sentire il battito siamese e non diviso. Vorrei che mi piacessi e che io piaccia a te, vorrei che fosse semplice, ma è... Continue Reading →

Frutto di immaginazione

Che mi basti uno sguardo per capire, per tormentarti di gusto in quel che dirai, per scoprirti a viso aperto in un campo di paradiso, i tuoi occhi, sotto il bene, sotto il cuore, siano profondi, siano emozione. Che ti... Continue Reading →

Come in una barzelletta

Giri di parole, insensate, abbandonate, assenza di fatti ... e fantasie andate. Studio del lessico, per esser grandi, ma senza valori, studio di se stessi, per voler rimaner piccoli, senza timori. Solitudine beata, per viaggiare, vivere e scoprire, falsa compagnia,... Continue Reading →

Primo nell’appello

avrei voluto essere, senza dover sapere il viaggio di insonnia coperto da un velo in vita operaia, col senso di dovere, un cadavere di una sposa priva del suo telo. Parallelamente sana, piacevole alla mente, affetta di illusione e disgrazia... Continue Reading →

Schiavo del mondo

Mondo silenzioso davanti ad un morto, non chiama soccorso, lo spinge in un fosso, solo felici, fermi e inattivi, per avere inquadrato la scena con i loro obiettivi. Mondo dannoso ai buon cuori rimasti, mondo riservato ai soli turisti, privilegia... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: