Cerca

Happy Magician

Sii il cambiamento che vorresti nel mondo

Tag

io

Se di un noi si potrà parlare

Ho sempre percepito male, pur percependo bene, l'altrui scommessa con la vita, nascondendo la mia realtà, perversa ed incustodita. La rabbia del troppo tardi, la serenità del perdono, la confusione esplosiva come petardi, la sicurezza della risposta al "chi sono".... Continue Reading →

Annunci

Il futuro che ci scrive

Ricordati di me, come se fossi la prima neve, un velo incolore, una durata breve, la magia del cielo, nella sua forma più lieve. Ricordati di me, in una foto col tuo volto, dove giace la mia speranza più grande,... Continue Reading →

Il dolore urla muto

Vorrei leggere il tuo viso, per capire com'è fatto il paradiso, per vedere la menzogna d'improvviso, per sentire il battito siamese e non diviso. Vorrei che mi piacessi e che io piaccia a te, vorrei che fosse semplice, ma è... Continue Reading →

Frutto di immaginazione

Che mi basti uno sguardo per capire, per tormentarti di gusto in quel che dirai, per scoprirti a viso aperto in un campo di paradiso, i tuoi occhi, sotto il bene, sotto il cuore, siano profondi, siano emozione. Che ti... Continue Reading →

Gioco imposto, senza scopo

Notte prima degli esami, che sia sentita e ripudiata, che sia in lacrime, sia amata, un'esperienza, un muro, da scavalcare, o un'illusione, un ricordo, da dimenticare. Che sia l'incubo di tutti, per essere maturi, che sia il gioco di molti,... Continue Reading →

Come in una barzelletta

Giri di parole, insensate, abbandonate, assenza di fatti ... e fantasie andate. Studio del lessico, per esser grandi, ma senza valori, studio di se stessi, per voler rimaner piccoli, senza timori. Solitudine beata, per viaggiare, vivere e scoprire, falsa compagnia,... Continue Reading →

Verso Dio

Scriviamo per farci sentire, scriviamo per farci ammirare, superiamo noi stessi, noi scrittori, resistori, che opponiamo resistenza al falso e senza amori. Parliamo per farci valere, parliamo per deviare una mente disordinata e autogestita, da un animo affamato di affetto... Continue Reading →

Primo nell’appello

avrei voluto essere, senza dover sapere il viaggio di insonnia coperto da un velo in vita operaia, col senso di dovere, un cadavere di una sposa priva del suo telo. Parallelamente sana, piacevole alla mente, affetta di illusione e disgrazia... Continue Reading →

Schiavo del mondo

Mondo silenzioso davanti ad un morto, non chiama soccorso, lo spinge in un fosso, solo felici, fermi e inattivi, per avere inquadrato la scena con i loro obiettivi. Mondo dannoso ai buon cuori rimasti, mondo riservato ai soli turisti, privilegia... Continue Reading →

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: